Stampa Termoformabile

Le Innovazioni (stampa digitale con inchiostri termoformabili)

  • Reparto stampa

Nel contesto innovativo, l'azienda nel 2014 ha effettuato l'installazione nel gruppo di stampa digitale, di inchiostri per termoformatura ed è stata la prima azienda italiana che ha accettato di sviluppare questa nuova tecnologia su gruppi di stampa Oce-Canon. Gli inchiostri, prodotti in Sud Africa, vengono direttamente importati, permettendo all'azienda di ampliare i servizi offerti alla clientela.
Questi inchiostri non contengo VOCs (componenti organici volatili) dannosi per l'ambiente e per gli operatori e sono esenti da etichettature di rischio.
Possono essere stampati su ABS, polystirene, PVC termoformabile per la creazione di oggetti tridimensionali.
Gli inchiostri offrono una perfetta conformabilità al materiale che può essere termoformato con dima di legno fino a 10 cm di profonità e 90° di inclinazione senza causare deformazioni dell'immagine o segni di screpolatura nel colore. 

La stampa digitale
per la termoformatura

La collaborazione con Sign-Tronic ha avuto inizio nell'ottobre del 2013.
La nostra azienda durante una manifestazione fieristica, ha incontrato i responsabili di Sign-Tronic, i quali hanno descritto le caratteristiche dei nuovi inchiostri, la loro flessibilità e la resistenza, adatti quindi per le applicazioni di termoformatura.
Lo sviluppo del progetto e le prove/test, supportate direttamente dal sig. Adrian Wolman (titolare della Sign-Tronic), nonchè dal collaboratore in Italia, sig. Ludovico Osta, durate circa 6 mesi, hanno dato esito positivo e ora, l'azienda, prima in Italia, è in grado di poter offrire e garantire i prodotti realizzati con questo tipo di stampa.

Informazioni per la Termoformatura

​ Fogli formato max 125x250 cm.
​ Spessore max 4 cm. Si consiglia di usare spessori di materiali che non consentano al materiale stesso di flettere a freddo per evitare il distaccamento dell'inchiostro.
​ Le stampe sono adatte per termoformatura a pressione o sotto vuoto e supportano un angolo di curvatura fino a 45 gradi senza screpolare.
​ Si consiglia l'uso di stampi in alluminio o resina, nel caso di utilizzo di stampi in MDF può verificarsi l'adesione degli inchiostri allo stampo con sucessivo strappo nel momento del distacco fra termoformato e stampo (in questo caso è necessario che la stampa sia protetta dal coating).
​ Nel caso di stampa con stampo in alluminio è sufficiente usare del talco per agevolare il distaccco.
​ Stoccaggio magazino: con temperature superiori a 20°C si consiglia di sbancalare e di lasciare le lastre in posizione verticale, o togliere dai sacchetti in plastica e dalle scatole, per evitare lo spiacevole inconveniente dell'adesione tra i materiali, che posti a contatto tendono ad attaccarsi.
​ Le variabili più determinanti per il tempo di stampaggio sono il tipo di plastica usato, lo spessore del film e la complessità dello stampo.
​ Materie plastiche sul quale stampiamo: PVC - PET - PETG - ABS - Polistirolo - Politene - Plexiglas, stampate diritte su materiale di colore bianco, stampate speculari più inchiostro bianco su materiali trasparenti.
​ Ogni materiale sia estruso che colato deve essere testato prima della eventuale produzione per verificare l'adesione degli inchiostri sugli stessi.
​ Per la stampa su opalino si consiglia di proteggere l'inchiostro.
​ Durante il taglio in sagoma della forma termoformata, potrebbe verificarsi il problema della screpolatura sul bordo, soprattutto su materiali plastici trasparenti stampati specularmente.